Banner-1-900x68px.png
News Anteprima Test Drive Specifiche Auto Confronto Ricerca
 
Kepler Motion
Specials

Kepler Motion

div.jpg

Russ Wicks pronto alla nuova sfida.

15 Dec 2009
di Gaetano Crisci
Specials

Kepler Motors è stata fondata a Costa Mesa in California da Russ Wicks, famoso negli Stati Uniti in quanto detentore del World Speed Record sopra le 200 mph (320 km/h) su terra e acqua.

Russ Wicks è una sorta di stregone della velocità, si è fregiato di record di velocità sulle più conosciute vetture da gara americane e gli hydroplane più esasperati, tra cui 249 mph (400 km/h) su una Nascar stock spec sul lago salato di Bonneville nell’Ottobre del 2007, e più di 220 mph (354 km/h) su Indy Car, Dragster e Hydroplane, questa vocazione alla velocità estrema lo porta diretto alla sua ultima sfida: superare le 200 mph con un automobile ibrida derivata dalla serie.

Certo, per raggiungere questo obbiettivo prima di tutto serve un auto ibrida dalle prestazioni già sensazionali, e perché non progettarne una e venderla in serie limitata da 50 esemplari in tutto il mondo in modo da poterla rendere, per cosi dire, un auto di produzione? presumibilmente Russ Wicks è gia a metà dell’opera.

Kepler Motion è il risultato di questa visione, una supersportiva con telaio monoscocca e carrozzeria in fibra di carbonio coadiuvata dalla trazione integrale Dual Powertrain Technology (DPT), per raggiungere gli 800 cavalli totali ci si affida in parte al motore termico di derivazione Ford, un 3.5 litri V6 twin-turbo modificato per produrre 550 cv scaricati sull’asse posteriore attraverso il cambio transaxle a doppia frizione da 7 rapporti, all’anteriore troviamo un motore elettrico da 250 cv a 2 rapporti alimentato da batterie agli ioni di Litio, la combinazione, oserei dire piuttosto esplosiva, permette accelerazioni da 0 a 60 mph (96.5 Km/h) in meno di 2.5 secondi e di toccare, non a caso, velocità massime superiori alle 200 mph.

Le svariate sofisticazioni tecnologiche di cui è dotata la Motion spaziano dalle sospensioni attive con geometria Double wishbone, ai cerchi di carbonio ed alluminio scomponibili in 4 parti, fino alla regolazione automatica dell’aerodinamica (cx 0.30), per finire con dischi freni da 380 x 32 mm con pinze anteriori a 6 pistoncini e posteriori a 4 con tecnologia Continuous Carbon Ceramic (C3) AeroRotors.

La Motion verrà presentata ufficialmente dal 16 al 20 Dicembre all’International Motor Show di Dubai ed entrerà in produzione nei primi mesi dell’anno prossimo per permettere le prime consegne all’inizio del 2011.

Gaetano Crisci

Visualizza i video correlati:
Kepler Motion

 
TUTTE LE ANTEPRIME